Etica Hacker

L’etica hacker è una nuova etica emersa (e applicata) dalle comunità virtuali o ‘cyber communities’ (ma non esclusivamente). Uno dei suoi grandi mentori è il finlandese Pekka Himanen.

Etica hacker è una frase ormai sulla bocca di tutti, dal giornalista all’ “esperto” passando per sociologi e massaie. Questo ha portato con il tempo ad uno svilimento e ad una massificazione dei concetti che stanno alla base di queste semplici parole.

Il concetto più caro agli hacker è quello della condivisione del sapere: in un mondo sempre più dominato da logiche di business, l’ hacker è convinto che i prodotti dell’ ingegno umano debbano essere a disposizione di tutti.

Per l’ hacker le cose più importanti sono risolvere i problemi divertendosi, stando insieme, sfuggendo a logiche gerarchiche, condividendo onori, oneri e conoscenze, superando collaborativamente i limiti personali.

Primo Moroni a questo proposito parlava correttamente e con grande finezza della “socializzazione dei saperi senza fondare potere”.

(http://guide.debianizzati.org/index.php/Etica_hacker)

 

Francesco Dattolo | email: info[at]gnucms.org, info[at]francescodattolo.it | mobile: +39 328 84 59 794 | P.IVA 05800731217 | C.F.DTTFNC74A05I073V

Informativa sulla Privacy

Copyright © 2007-2011 Francesco Dattolo.

Creative Commons LicenseQuesto sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori.

Valid XHTML 1.0 Strict